Il Trono di Spade: tutti contro Dorne

di Marica Lancellotti - 16-05-2016

Alcuni fan vogliono girare da capo alcune scene della serie



Con 20 milioni di dollari si possono fare davvero tante cose, più o meno utili, a seconda delle necessità personali. Dave Panfilo (per darvi un'idea: lui è quello che ha scritto il 70% delle domande nel gioco da tavolo della serie in stile Trivial Pursuit) e Sean Ireland, per esempio, vorrebbero utilizzarli per scrivere e girare nuove scene de Il Trono di Spade. Ma al pubblico piace così com'è, esiste il reale bisogno? A sentir loro sì: bisogna eliminare la sottotrama di Dorne.

Non è un mistero che molti sostenitori dello show non amino particolarmente il regno più meridionale di Westeros, e i motivi sono presto spiegati: i caratteri dei personaggi sono tratteggiati in maniera più grossolana rispetto agli altri, ci sono parecchi momenti di violenza giudicata gratuita, da quando è morto il principe Oberyn manca un catalizzatore d'attenzione e, soprattutto, differisce troppo da quello descritto da Martin nei romanzi. Come aggravante, il capitolo pubblicato negli ultimi giorni dall'autore, che si concentra interamente sulle vicende dorniane, rimettendo in gioco personaggi ormai cancellati dalla serie e segnando, di conseguenza, una netta cesura.

Così i due accaniti fan hanno pensato di creare dei contenuti speciali per la quinta stagione che andassero a sotituire le poco interessanti sciagure del regno di Dorne. Per accedere alle scene basterà interrompere la visione, dal canale HBO o dal Blu-ray, al momento opportuno e cliccare su un ipotetico "plug and play" per saltare direttamente alla sequenza alternativa. E il progetto è molto più ambizioso: si parla di continuare con la stagione 6 e, dovesse presentarsi il bisogno, anche con la 7 e magari una 8.

Il costo dell'operazione? Quei 20 milioni di dollari di cui si parlava all'inizio, molti dei quali verrebbero spesi per ingaggiare Alexander Sidding, l'attuale (ormai defunto) principe di Dorne. Il progetto è finanziabile sulla piattaforma Kickstarter; fin'ora son stati raggiunti "solo" 13.000 dollari ma c'è ancora parecchio tempo a disposizione e i due richiedenti restano ottimisti.

É lecito chiedersi se ci sia un così disperato bisogno (tanto da spendere 20 milioni di dollari!), in fondo uno show deve necessariamente avere dei momenti "morti" in cui rilassare la tensione e Dorne è quell'attimo di stasi in una narrazione sempre incalzante. In secondo luogo: posto che 20 milioni son sempre troppi: non sarebbe meglio offrirne una parte a Martin per spingerlo, finalmente, a terminare il ciclo?

Fonte: Quartz

© RIPRODUZIONE RISERVATA
VAI ALLA SCHEDA

Commenti