Iwan Rheon: non volevo essere il cattivo

di Marica Lancellotti - 03-06-2016

Ma nel prossimo ruolo sarà peggiore di Ramsay Bolton



Ramsay Bolton sembrerebbe essere il personaggio più odiato della TV, ma il prossimo ruolo dell'attore Iwan Rheon potrebbe addirittura superarlo...
Il bastardo Bolton, in ogni accezione possibile, attuale folle Lord di Grande Inverno, ha lasciato dietro di sé una scia di torture, crocifissioni, castrazioni, assassinii, ma il picco di popolarità negativa in queste stagioni l'ha raggiunto con lo stupro della sua sposa Sansa Stark durante la prima notte di nozze. Dopo questa scena il pubblico sembra aver sviluppato un odio profondo per il personaggio, tanto che i lettori del New York Times lo hanno eletto "Most Hated Man on TV".

«Comprendo la reazione perché le persone hanno visto la ragazza crescere e le vogliono bene ma non è certo la cosa peggiore che sia capitata a Game of Thrones. Ad esempio, bruciare un bambino... nessuno andò fuori di testa per quello». L'attore ha comunque riconosciuto che girare quella scena non è stato affatto semplice. «È stato orribile. Non ho chiuso occhio nella nottata successiva, eppure solitamente sono abbastanza bravo a distaccarmi da Ramsay».

Rheon è molto diverso dal suo personaggio, diametralmente opposto al cattivo psicopatico. Per la sua (ottima) interpretazione ha scelto accuratamente i modelli, per riuscire a raggiungere un tale livello di detestabilità. «Inizialmente il Joker di Heath Ledger» ha rivelato, «poi Dennis la minaccia... è bello avere quella gioia infantile nel fare tutte queste cose orribili, e infine l'atteggiamento e la camminata di Liam Gallagher».

Prima de Il Trono di Spade l'attore gallese aveva già raggiunto una certa notorietà grazie al ruolo dell'imbarazzato e timido Simon Bellamy in Misfits. Una pietra miliare nella sua carriera, eppure sembra scomparire nel confronto con Ramsay Bolton, senza alcun dubbio quello a cui tutti lo associano in questo momento. Un ruolo che sarà difficile cancellare dalla mente del pubblico. E pensare che stava per essere ingaggiato per fare Jon Snow...

L'essere inquadrato come cattivo e pazzo effettivamente è qualcosa che lo preoccupa: «Voglio provare a lasciarmi alle spalle il cattivo ragazzo perché temo di diventare un caratterista». Ramsay è il primo ruolo del genere che interpreta ed ammette che sarebbe seccato se fosse l'unico per cui essere ricordato, e costretto a perpetrare quella parte in tutti i personaggi futuri. In tal caso «non vorrei più fare l'attore!», asserisce convinto.

E un nuovo progetto è già dietro l'angolo. Date le dichiarazioni, ci aspetteremmo un carico di positività e buoni sentimenti, qualcuno con cui sia facile entrare in empatia e voler bene. E invece... «Adolf Hitler», nel film drammatico Adolf the Artist, basato sulle memorie dell'amico di gioventù del Fuhrer, August Kubizek. In questo ritratto sarà un giovane aspirante pittore nella Vienna di inizio Novecento. «Non sarà come interpretare proprio Adolf Hitler perché sarà prima che facesse tutte quello che di orribile ha fatto».

Caro Iwan, convinto tu...

Fonte: Independent

© RIPRODUZIONE RISERVATA
VAI ALLA SCHEDA

Commenti