I non-morti invadono il Comic-Con: The Walking Dead e Fear The Walking Dead

di Adriano Ercolani - 23-07-2016

La nostra cronaca dell'affollato panel AMC dedicato alle serie di punta del canale

Due ore, due panel; la serie TV più amata della AMC e il suo spin-off con il solito, spiritosissimo Chris Hardwick a moderare il tutto. Ma soprattutto tanti, tantissimi morti viventi. Il San Diego Comic-Con ha così riabbracciato con tutta la sua forza i protagonisti di Fear the Walking Dead (qui il trailer della mid-season) prima e successivamente gli altri di The Walking Dead. C'era molto entusiasmo ed erano presenti tutti i personaggi delle serie, ma forse è stata mostrata una quantità di nuove immagini inferiore a quanto ci saremmo aspettati.

Il trailer della seconda parte della Stagione 2 di Fear (questa l'ovvia abbreviazione con cui tutti gli autori chiamano la serie) evidenzia come si sia puntato con decisione ad arricchire lo show di nuovi scenari e personaggi. La spaccatura a cui sono andate incontro le famiglie protagoniste, tra scomparse dolorose e scelte solitarie (come ad esempio quella del ramingo Nick), ha aperto la trama verso dei risvolti che si preannunciano quanto meno intriganti, in cui i sottotesti continuano ad essere ricchi di fascino. "Con Fear the Walking Dead continuiamo a esplorare tutti i territori emotivi e psicologici che abbiamo escluso da The Walking Dead - ha affermato Robert Kirkman - Le dinamiche psicologiche legate soprattutto ai rapporti familiari sono il cuore della narrazione, ma anche lo spiazzamento dell'assistere come testimoni alla fine della civiltà rimane un fattore fondamentale nella costruzione dei caratteri."

Molto meno entusiasmante, invece, il breve teaser che ha introdotto al pubblico comunque in visibilio la settima stagione di The Walking Dead. Il motivo in realtà è semplicissimo: le nuovi immagini evitano accuratamente e con totale successo qualsiasi spoiler su chi sia stato ucciso da Negan alla fine della sesta stagione. L'unica grossa novità emersa dal filmato è stata l'introduzione del nuovo set principale, The Kingdom, governato da King Ezekiel, figura che dal montato pare sia il più importante avversario di Negan nei nuovi episodi, i quali arriveranno come sempre a ottobre, in America il e il giorno successivo negli altri paesi. A presenziare il panel c'erano (quasi) tutti gli attori della serie, che hanno scherzato tra loro - in particolare Andrew Lincoln e Norman Reedus - mostrando il solito affiatamento. Ma oltre ai più classici blooper della scorsa stagione, i seimila spettatori accorsi nella Hall H non hanno potuto gustare nessun’altra anteprima.

Anche se accomunati dalla presenza costante e incessante di zombie, i due show continuano a differenziarsi notevolmente come temi trattati e discorsi tangenziali alla narrazione portante. Ciò continua ovviamente a renderle due operazioni distinte e con una propria specificità, elemento fondamentale per la prosecuzione e il successo di entrambe, soprattutto della più “giovane”.




Leggi anche: A colazione con il cast di The Walking Dead. Il nostro racconto da San Diego