The Walking Dead: Norman Reedus parla del rapporto di Daryl con Rick e Carol nella sesta stagione

di Lorenza Negri - 08-10-2015

L'interprete del rude motociclista con la balestra e un animo sensibile discute l'evoluzione della relazioni con gli altri personaggi dopo gli eventi di Alexandria



Norman Reedus, volto di Daryl - uno dei personaggi più amati di The Walking Dead - si dichiara molto preso da questa sesta stagione della serie horror in arrivo in Italia, in contemporanea mondiale, dal 12 ottobre su Fox. A EW ha parlato dei rapporti tra il suo personaggio - rude ammazza-scoiattoli con la balestra e un lato supersensibile - e altre figure fondamentali dello show come Grimes e Carol. A proposito della relazione con Rick, annuncia che avrà delle divergenze: "Daryl è decisamente una componente importante del processo decisionale; è più uno "fisico" che uno del tipo "parliamone" ma con Rick si confronta quasi su tutto. Ci sono stati casi in cui Daryl ha fatto cambiare idea a Rick e viceversa. Sono dalla stessa parte, anche quando non sono d'accordo. Ora però molte cose stanno accadendo, con Daryl alle prese con persone di cui all'inizio non si fidava e Rick in conflitto con persone in cui aveva fiducia prima ma, forse, adesso no".

Reedus ha accennato anche ai rapporti tra Daryl e Carol, ex moglie vessata che si è trasformata - nel corso di cinque stagioni - in uno dei personaggi più tosti dello show (se non il più tosto, lo abbiamo capito quando ha sussurrato alla piccola Lizzie di "guardare i fiori") e una delle più sfaccettate di The Walking Dead. A questo proposito Norman ha commentato il fatto che gli zombie diventeranno sempre più disgustosi: la presenza di uno di loro, ricoperto di muschio, farà la sua comparsa nel sesto episodio dell'annata e richiamerà - per un motivo spoiler - a un momento tra Daryl e Carol del passato. Reedus, ovviamente, non va oltre ma ribadisce quanto i vaganti della serie spesso nascondano easter egg.

Fonte: EW

© RIPRODUZIONE RISERVATA
VAI ALLA SCHEDA

Commenti