«É razzista!»: Primark ritira dagli store la maglietta che omaggia The Walking Dead

di Marica Lancellotti - 23-02-2017

É successo in Inghilterra



Negan, croce e delizia di The Walking Dead: se è vero che il personaggio piace moltissimo al pubblico e che le sue bravate hanno fatto impennare gli ascolti della première in questa stagione, d'altro canto non smette di creare polemiche, anche indirettamente. Se all'indomani della morte di Glenn e Abraham per mano sua si erano levate voci di protesta dalle associazioni di genitori per l'eccessiva violenza di cui il personaggio è portatore, oggi al centro del polverone è finita una maglietta che aveva il solo scopo di omaggiare il big bad dell'apocalisse zombie.

É successo a Londra in uno store a marchio Primark. Da qualche giorno era comparsa sugli scaffali una t-shirt recante la scritta "Eeny Meeny Miny Moe", il primo verso della filastrocca che Negan mormora davanti alle sue future vittime, accompagnata dall'immagine di Lucille. Solitamente il nostro villain continua con "Catch a tiger by his toe", ma la versione originale del testo prevedeva la parola "nigger" al posto di "tiger", ed era conosciuta per essere una cantilena che incitava alla violenza contro gli sfroamericani. Se il "dettaglio" è sfuggito all'azienda produttrice, non è successo altrettanto con la clientela...

Il risultato? Primark ha ritirato dal mercato la maglietta sotto accusa e si è pubblicamente scusata con un comunicato stampa: «La t-shirt in questione è un articolo con licenza legato alla serie tv The Walking Dead e le immagini sono prese direttamente dallo show. Ogni offesa arrecata a persone è stata assolutamente involontaria e, in segno di scusa, Primark ha deciso di ritirare l'articolo dal mercato».

AMC al momento non ha rilasciato dichiarazioni.

Fonte: BBC

© RIPRODUZIONE RISERVATA
VAI ALLA SCHEDA

Commenti