Fear the Walking Dead: lo show di AMC è stato accusato di plagio

di Simona Carradori - 28-06-2018

Ad essere incriminata, l'intera seconda stagione dello spin-off



Grossi guai in vista per Fear the Walking Dead. Secondo quanto riportato da Screenrant, lo spin-off della celebre serie di AMC è appena finito al centro di una disputa giudiziaria con la grave accusa di plagio.

La denuncia arriva dall’autore Mel Smith, il quale ha fatto causa ai creatori dello show asserendo che l’intera seconda stagione avrebbe attinto indebitamente e in maniera molto evidente alla storyline della sua serie a fumetti del 2008, Dead Ahead, coperta da copyright.

Nell’opera in questione i protagonisti – imbarcatisi per una tranquilla giornata di pesca - si ritrovavano intrappolati in mezzo al mare a seguito della rapida esplosione di un’epidemia, che aveva trasformato in zombie la maggior parte della popolazione mondiale. Con le loro provviste ormai terminate e senza la possibilità di tornare sulla terraferma, il loro destino sembra essere segnato, quando all’orizzonte scorgono una lussuosa nave da crociera che a bordo potrebbe avere tutto il necessario per sopravvivere.

Chi ha visto Fear the Walking Dead noterà di certo la somiglianza con la sinossi della seconda stagione, che proprio come Dead Ahead è ambientata a bordo del grande yacht Abigail, che fa da sfondo e motore alle avventure dei protagonisti tra il mare e la terraferma.

A peggiorare la situazione per lo show di AMC c’è anche un’altra questione: sembra infatti che il produttore esecutivo David Alpert – nonché business manager e socio in affari di Robert Kirkman - fosse l’agente di Smith all’epoca della pubblicazione di Dead Ahead, dettaglio che potrebbe provare un effettivo collegamento tra le due storyline. Oltre ad essere un co-imputato nella causa infatti, Alpert dovrà anche rispondere all’accusa di violazione del dovere fiduciario.

Per il momento né i creatori dello show né la stessa AMC hanno rilasciato dichiarazioni riguardo la questione, rimaniamo quindi in attesa di ulteriori aggiornamenti. Cosa ne pensate?

© RIPRODUZIONE RISERVATA
VAI ALLA SCHEDA

Commenti