The Walking Dead 6, anticipazioni: brutalità, caos e «la più grande minaccia di sempre»

di Fiaba Di Martino - 27-01-2016

Si apre un nuovo capitolo per Rick e il suo gruppo

Manca meno di un mese al ritorno di una delle serie più seguite al mondo: la midseason premiere della sesta stagione di The Walking Dead (di cui abbiamo avuto un primissimo, e allarmante, assaggio...) debutterà sulla AMC il prossimo 14 febbraio.

Come se l'ansia per le vicende di Rick e soci non fosse abbastanza alta, ad aumentarla ha contribuito il cast. Andrew Lincoln ha definito gli eventi dei nuovi episodi «il più grande pericolo che il gruppo abbia mai affrontato: ci sarà da fare molto per salvare la comunità».

La seconda metà della stagione segnerà un nuovo capitolo per la serie: la comunità idilliaca di Alexandria è stata ormai compromessa dall'attacco dei non morti, e non ha più una leader. Ora, a dover guidare la popolazione è Rick.

Dichiara il creatore e produttore esecutivo Robert Kirkman: «Questo è un grande punto di svolta per Rick e il gruppo, perché il caos e la brutalità imperversano. Non è la fine di Alexandria, però vedremo un Rick molto diverso, nel momento in cui si trova di fronte alla più grande minaccia di sempre».

Anche l'universo dello show si espanderà: «Vedremo un mondo più grande e scopriremo molte complicazioni e più complessità, qualcosa di cui il gruppo non era consapevole e a cui nemmeno pensava» aggiunge lo showrunner Scott M. Gimple.

In quest'arco di stagione vedremo di più anche Daryl: «Si riunirà con Rick per una "piccola avventura"» dice Norman Reedus. «Una specie di situazione alla Butch Cassidy!».

Per conoscere l'attesissimo villain Negan, invece, dovremo aspettare il season finale del 3 aprile: «Negan è l'incarnazione più dark del bullo, e non è soltanto un sociopatico: è la star del suo film personale» commenta Gimple.

Fonte: TVI